Facebook
Twitter
LINKEDIN
Whatsapp

Tutti coloro che stanno lavorando con impegno e dedizione alla diffusione della cultura vaccinale debbano essere particolarmente grati a due autorevoli uomini di scienza: Alberto Mantovani e Roberto Burioni.

Il primo è professore di Patologia Generale presso l’Humanitas University, e Direttore Scientifico dell’IRCCS Istituto Clinico Humanitas.  Il suo libro “Immunità e Vaccini” (Mondadori) ha l’autorevolezza di chi lo ha scritto, e l’efficacia di un linguaggio facilmente comprensibile. Di particolare utilità il glossario finale che rende agevole la lettura anche a chi è a completo digiuno di immunologia.

Il secondo è Docente di Microbiologia e Virologia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Il suo libro “Il vaccino non è un’opinione” (Mondadori), già alla terza edizione, fotografa già nel titolo l’attualità del tema.

Entrambi, ciascuno con il proprio stile, ci consegnano una lezione importante: nell’era di internet e delle leggende metropolitane che circolano sul  web,  i medici, i pediatri e gli uomini di scienza hanno il dovere di impegnarsi per diffondere la corretta informazione. E’ un tema decisivo per tutelare la salute dei bambini e degli adolescenti, perché sono loro le prime vittime della disinformazione. Questo impegno deve sempre di più contraddistinguere la nostra professione di pediatri: essere dei bravi medici oggi non significa solo rispettare i nostri doveri deontologici e professionali, ma dedicare parte del nostro tempo a spiegare le ragioni della scienza.

Roberto Burioni lo fa con un linguaggio semplice e diretto. Le inoppugnabili ragioni della scienza, che rendono vitale vaccinare i bambini, vengono messe in campo per smontare pezzo per pezzo le personalissime opinioni dei tanti “praticoni” che affollano la rete. Noto per le sua infaticabile attività di contrasto alle bufale sui social network e sui media, Roberto Burioni usa la forza delle argomentazioni scientifiche con ragionamento molto semplice: i fatti sono una cosa, le opinioni un’altra. “Potete liberamente affermare che questo libro è scritto male o è scritto bene; che è noioso o che è divertente. Ma non potete dire che pesa 2.400 grammi o che ne pesa 18. Perché il peso è un fatto e non è un’opinione”, scrive.

Ma proprio perché Internet è il luogo dove fatti e opinioni si confondono, dove tutte le voci sono sullo stesso piano, Alberto Mantovani prova a far chiarezza, fornendo al lettore tutti gli elementi per poter fare scelte consapevoli, illustrando il meccanismo di funzionamento dei vaccini, e la loro importanza nell’aiutare il nostro sistema immunitario a combattere le malattie. Ciascuno dei 10 capitoli del suo libro risponde a una domanda che approfondisce un particolare aspetto del legame tra sistema immunitario e  vaccini. L’obiettivo del suo libro è anche far capire l’importanza di approfondire gli studi sul sistema immunitario per sfruttare sino in fondo le potenzialità delle difese immunitarie e dei vaccini che oggi grazie ai progressi della ricerca promettono applicazioni, non più strettamente preventive, ma anche terapeutiche e per malattie non infettive come i tumori.

Leggere questi due libri, oltre che piacevole e istruttivo, può insegnare a ciascuno di noi come fare divulgazione scientifica ed efficace.

Alberto Villani, Presidente SIP

Cinthia Caruso, Direttore del Magazine “Pediatria”