Facebook
Twitter
LINKEDIN
Whatsapp

Si arresta nel 2017 il trend in diminuzione delle coperture vaccinali che, dal 2013 al 2016, aveva fatto precipitare l’Italia al di sotto della soglia di sicurezza del 95% raccomandata dall’Oms. Un calo che nel 2017 ha aperto le porte nel nostro Paese a una estesa epidemia di morbillo, con quasi 5mila persone colpite, di cui oltre 300 tra operatori sanitari, e 4 decessi.

Questa situazione aveva indotto il legislatore all’approvazione del decreto-legge 7 giugno 2017, n. 73 (convertito con modificazioni, dalla legge 31 luglio 2017, n. 11) , che ha aumentato il numero delle vaccinazioni obbligatorie da 4 a 10, estendendo l’obbligo a vaccinazioni raccomandate già presenti in calendario dal 1999.

I dati (aggiornati al 31 dicembre 2017) diffusi dal Ministero della Salute mostrano che l'impatto dell'introduzione dell'obbligo vaccinale è stato nel complesso "estremamente positivo". Il miglioramento delle coperture riguarda sia i vaccini obbligatori come la polio e il morbillo che quelli non obbligatori come quello contro il meningococco.

In particolare la copertura anti-polio nei bambini nati nel 2015 (24 mesi) si avvicina al 95% (94,54%) guadagnando un +1,2% rispetto al 2016; ma è soprattutto la copertura per la prima dose di vaccino contro il morbillo a decollare, facendo segnare un +4,42% e una media nazionale che arriva al 91,68%.  Crescono anche le coperture nei confronti delle vaccinazioni non obbligatorie, come anti-pneumococcica e anti-meningococcica C. Il trend generale positivo è confermato anche dalle coperture vaccinali nazionali a 36 mesi, relative ai bambini nati nel 2014 nei quali sono inclusi anche quelli vaccinati in ritardo.

Leggi per esteso i dati diffusi dal Ministero della Salute