Facebook
Twitter
LINKEDIN
Whatsapp

Dott.ssa Cinthia Caruso

Responsabile Comunicazione SIP

Dott.ssa Elena Bozzola

Consigliere Nazionale SIP

A Natale sì a giochi che aiutino l’immaginazione, la fantasia e le relazioni tra bambino e genitori, come puzzle, costruzioni e libri. I giocattoli migliori non sono quelli appariscenti o costosi o all’ultima moda. Il dono più educativo è quello che promuove le interazioni vere tra i bambini e i genitori.
A sostenerlo è l’American Accademy of Pediatrics in un Rapporto clinico aggiornato “Selezione di giocattoli appropriati per i bambini nell’era digitale” in cui mette in guardia le famiglie dall’utilizzo di gadget digitali in sostituzione dei tradizionali giochi.

“I migliori giocattoli - si legge nel Rapporto- sono quelli che supportano genitori e figli, favorendone l’interazione. I giocattoli elettronici da soli non facilitano queste relazioni, fondamentali per uno sviluppo sano e armonico del bambino”. E benché molti dei nuovi media interattivi vengano pubblicizzati come educativi, le app veramente tali sono poche.

Sull’argomento si è espressa di recente anche la Società Italiana di Pediatria, in uno Statement pubblicato su Italian Journal of Pediatrics che contiene le Raccomandazioni ufficiali sull’uso di smartphone e tablet in età prescolare.

Da una recente indagine è emerso che almeno un bambino su cinque in Italia entra in contatto con tablet o smartphone nel primo anno di vita e un bambino su sette lo usa già per almeno un’ora al giorno. Se da un lato l’avvicinamento dei bambini alle nuove tecnologie è inevitabile e non può essere ostacolato, dall’altro è importante che venga fatta corretta educazione per un uso consapevole.  No a smartphone e tablet prima dei due anni, durante i pasti e prima di andare a dormire, limitare l’uso a massimo 1 ora al giorno nei bambini di età compresa tra i 2 e i 5 anni e al massimo 2 ore al giorno per quelli di età compresa tra i 5 e gli 8 anni: sono le principali raccomandazioni della SIP.  E soprattutto no al cellulare “pacificatore”, dato ai bambini per evitare capricci.

Cosa mettere allora sotto l’albero di Natale per i più piccini?

1 Giocattoli che promuovono l’apprendimento e la crescita, stimolando l’immaginazione del bambino, come costruzioni e puzzle, e che lo avvicinano all’arte, come disegni e colori.

2 Giocattoli che favoriscono l’apprendimento di lingua e concetti, quali giochi di carte e giochi da tavolo.

3 Libri da leggere insieme ai genitori, per sviluppare la fantasia e la creatività.

4 Giocattoli sicuri, prodotti secondo le normative europee (marchio CE), adatti all’età dei bambini, e privi di contenuti violenti.

5 Giocattoli che incoraggino il bambino a essere sia fisicamente che mentalmente attivo, quali palla o giocattoli da spingere e tirare.