Facebook
Twitter
LINKEDIN
Whatsapp

 

Dottor Giuseppe Maiorino

Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Pisa

Dottoressa Teresa Di Chio

Scuola di Specializzazione in Pediatria, Università di Pisa

Dottoressa Elena Verucci

Dirigente Medico, Unità Operativa Pediatria, Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana

Professor Diego Peroni

Consigliere Nazionale SIP, Professore Ordinario di Pediatria, Università di Pisa

Cos’è?

Con stipsi si intende la riduzione della frequenza evacuativa, con emissione di feci dure, talora associata a dolore addominale o a sforzo defecatorio eccessivo.
La stipsi è un problema molto comune nei bambini (rappresenta il motivo di consultazione del 5% delle visite pediatriche e del 25% delle visite del pediatra gastroenterologo!).

Da cosa è causata?

La stragrande maggioranza dei casi di stipsi cronica è di tipo funzionale, cioè non dovuta ad una patologia organica. In genere esordisce quando il bambino va incontro a cambiamenti delle sue abitudini di vita (ad esempio svezzamento, passaggio dal pannolino al vasino e molte altre). In queste situazioni il piccolo può sviluppare un atteggiamento oppositivo nei confronti dello stimolo defecatorio, contraendo lo sfintere anale esterno e i muscoli glutei, attuando la cosiddetta “danza della cacca”, spesso mal interpretata come sforzo impellente per defecare (in realtà è l’esatto opposto!). Trattenere le feci non fa altro che instaurare un circolo vizioso: feci più voluminose e dure = maggior sforzo defecatorio = maggior tendenza a trattenere = aumento della massa fecale, fino al fecaloma.

Il bambino che sporca le mutandine…lo fa per dispetto? NO

Le dimensioni e la consistenza della massa fecale provocano lo stiramento della parete rettale, per cui le mutandine del piccolo risulteranno spesso sporche (encopresi e soiling) o addirittura si presenteranno episodi di diarrea (diarrea paradossa). Tali meccanismi sono assolutamente involontari, per cui il bambino non deve essere colpevolizzato né sgridato.

Esistono strategie non farmacologiche per trattare la stipsi? SI

Il cambiamento dello stile di vita (dieta, sport, apporto di acqua) e semplici accorgimenti come il toilette training (far rimanere regolarmente il piccolo per alcuni minuti seduto sul WC dopo i pasti) o il panchetto sotto i piedi (per aiutarlo ad usare meglio i muscoli addominali e del pavimento pelvico), associati al sostegno da parte dei genitori rappresentano il primo e più importante passo per raggiungere la regolarità intestinale.

Esistono farmaci per trattare la stipsi? SI. Come si usano?

Esistono sia farmaci assumibili per bocca (in primis Polietilenglicole) che per via endorettale (clisteri evacuativi).

Il trattamento farmacologico della stipsi consta di 2 fasi:

 - Disimpatto (rimozione del fecaloma)

 - Mantenimento

Come si ottiene il disimpatto? Lassativi orali o clisteri?

Il metodo di scelta per ottenere il disimpatto, in quanto meno invasivo e meglio tollerato dai bambini, è rappresentato da Polietilen glicole (PEG) a dosi elevate (fino a 1,5gr/kg). I clisteri evacuativi, hanno dimostrato egual efficacia, ma sono meno tollerati dai bambini.

Incubo fecalomi… come evitare che si riformino?

Una volta ottenuto il disimpatto è necessario attuare una terapia di mantenimento, proprio per evitare la ricorrenza di fecalomi. Esso consiste nel trattamento con lassativi osmotici a dosi adeguate, titolate dai genitori in base alla loro efficacia (sempre sotto la guida del pediatra).

La terapia della stipsi può essere interrotta dopo aver ottenuto i primi benefici? NO

 - non dovrebbe essere interrotta prima dei 2 mesi dall’inizio della terapia;

 - tutti sintomi di stipsi si dovrebbero risolvere almeno 1 mese prima di sospendere il trattamento;

 - va scalata gradualmente

Ma i lassativi sono pericolosi? Danno dipendenza? NO

I lassativi prescritti dal pediatra sono farmaci sicuri, maneggevoli e che non creano dipendenza!

Si guarisce dalla stipsi? SI

Una terapia corretta della stipsi, associata ad un corretto stile di vita, si associa quasi sempre ad un successo terapeutico

Esistono forme di stipsi non funzionale? SI

Raramente la stipsi del bambino può essere causata da condizioni organiche. Il pediatra, tramite un’accurata visita può riconoscere i campanelli di allarme di stipsi cronica non funzionale e trattarne le cause.