L’asma bronchiale è una patologia molto diffusa: in Italia colpisce il 10% della popolazione pediatrica sopra i sei anni. Pur essendo determinata geneticamente, è fondamentale che il bambino venga protetto da esposizioni aspecifiche tra i quali il fumo di sigaretta (ancora oggi quasi il 40% dei bambini ha almeno un genitore fumatore). Un corretto trattamento, farmacologico e ambientale, consente al bambino di stare bene e di non sentirsi diverso dai coetanei, potendo svolgere le loro stesse attività con i migliori risultati.

Gli esperti SIP spiegano sintomi, cause, complicanze, cure, e rispondono ai dubbi dei genitori. Per porre le domande basta scriverle nel form sotto l’articolo.

 

Renato Cutrera, Presidente SIMRI, Società Italiana Malattie Respiratorie e Responsabile della UOC di Broncopneumologia dell’Ospedale Bambino Gesu’ di Roma

Valentina Negro, clinical fellow presso la UOC Broncopneumologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù

Antonio Di Marco Dirigente Medico presso la UOC Broncopneumologia dell’Ospedale Bambino Gesù

Tags

 

0 Commenti

Lascia un commento per primo.

Lascia un commento