Facebook
Twitter
LINKEDIN
Whatsapp

Dott.ssa Elena Bozzola

Consigliere Nazionale SIP

Le coliche sono un disturbo che colpisce circa il 10-15% dei lattanti nei primi mesi di vita e che tende a risolversi entro il terzo-quinto mese. Per questo motivo vengono anche frequentemente chiamate “le coliche dei primi cinque mesi”.

1. Cosa sono le coliche?
Le coliche sono contrazioni eccessive e dolorose della muscolatura involontaria della parete intestinale. Sono causate generalmente dalla presenza di una eccessiva quantità di aria nell’intestino, che si associa  aihme, a dolore. Il dolore è dovuto alla rapida distensione della parete intestinale dovuta al passaggio di bolle d’aria.

2. Come si riconoscono le coliche ?
Non è difficile riconoscerle: compaiono generalmente nel tardo pomeriggio e alla sera. Il lattante che ne soffre diventa rosso in volto, piange a lungo, flette ed estende le gambette, si contorce, si contrae, nel tentativo di trovare sollievo. Il pancino appare gonfio e alla percussione si sente che è pieno di aria (spesso è paragonato ad un tamburello). Di solito passano da sole, ma possono essere fastidiose ed interferire con l’alimentazione ed  il sonno del bambino

3. Quali sono le cause?
Ancora non vi è una risposta univoca. Tra i fattori che più frequentemente sono chiamati in causa vi sono:
- l’ingestione di tanta aria, spesso problema di bambini voraci
- l’alterato equilibrio tra i batteri che compongono la flora intestinale
- il fumo passivo
- l’ansia dei neogenitori.

4. Quali sono i rimedi?
È importante cercare di consolare il lattante, rimanendo innanzitutto sereni.

Può essere utile far assumere al lattante la posizione anti-colica: a pancia in giù sul braccio, con la testa sull’incavo del gomito. Dondolandolo in questa posizione, gli vanno date pacchette sul sederino in modo da favorire la fuoriuscita dell’aria dall’intestino.

Può essere anche utile massaggiare il pancino con movimenti circolari antiorari per favorire l’eliminazione dell’aria.

Solo in casi eccezionali si ricorre ai sondini rettali, mentre è sconsigliato l’uso del termometro.

L’uso dei farmaci, invece, è da sconsigliare. Il simetocpne somministrato ai bambini in gocce, può essere utilizzato per alleviare il dolore, ma purtroppo ha scarsa efficacia. Si possono anche utilizzare preparati fitoterapici a base di melissa, passiflora e finocchietto da somministrare in gocce o sciroppo al lattante, ma anche questi non sempre risolutivi

5. Quando mi devo preoccupare?
È utile che contatti tempestivamente il pediatra:

- se il dolore non passa
- se compaiono altri sintomi, quali la febbre o il vomito,
- se il lattante rifiuta il latte e manifesta segni di malessere per escludere altra cause.